25 febbraio 2009

Mamma mia!

Sarà che la Svezia mi sta "contagiando"... ma sentire la musica degli ABBA mentre si guida tra boschi e laghi, in questo periodo ghiacciati, viene naturale.
E perchè non guardare anche il musical Mamma Mia?! Ho messo il dvd con una smorfia, non aspettandomi un granchè, l'ho finita quasi in lacrime e con la voglia di dire a tutti: "Guardatelo!".
Il film ha una trama abbastanza semplice, con una Meril Streep stepitosa, e sembra proprio che sia stato confezionato attorno alle canzoni. Durante tutto il film la musica ha un ruolo fondamentale e aiuta allo svolgimento della trama, la scenografia è fantastica in un'isoletta della Grecia, e l'attrice principale sembra ringiovanita di almeno 15 anni! ...ma quanti ne avrà in realtà Meril Streep???
Insomma consiglio di vederlo, meglio ancora in lingua originale coi sottotitoli alle canzoni.
Straordinario, ed io che pensavo fosse pubblicizzato solo qua...

10 febbraio 2009

Diritto di morte

Incredibile che in Italia non si possa nè vivere nè morire in pace. Chi ha il diritto di decidere della vita o della morte di una persona? Il parlamento? Un'organizzazione religiosa? Non credo proprio, il diritto di decidere è solo dell'interessato, e in caso di mancata comunicazione (anche per incapacità di intendere e di volere) spetta a chi ha la patria potestà o ai parenti più prossimi. 
Perchè non lasciare due righe scritte, il famoso testamento biologico, oltre che far conoscere a parenti ed amici la propria volontà? E' un argomento così scabroso??? Si teme così tanto la morte da evitare perfino di ipotizzarne una fine dignitosa? In certi casi è un sollievo alla sofferenza, in altri è l'attuazione del NON accanimento terapeutico. 
Dopo tutte le bagarre politiche e religiose spero che l'ennesimo caso riesca a "svegliare" gli animi e si giunga al testamento biologico universalmente riconosciuto.
Allora la vita e la morte di una ragazza avrebbero un senso.
Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts with Thumbnails